Follow by Email

giovedì 24 luglio 2014

24 Luglio 2014. Tredici anni dopo

Giornataccia dura oggi al lavoro ma non potevo esimermi dallo scrivere oggi. Era Il 2001 il mondo e la mia vita non sarebbe stati piu´ li stessi: la Roma di Capello festeggiava il suo terzo scudetto, Oliver Kahn quell´anno parava tutti e Il Bayern di Monaco alzava il cielo la sua quarta Coppa dei Campioni, I fattacci del G8 di Genova riempivano le prime pagine dei giornali, l´11 Settembre incombeva ma in quel torrido luglio di inizio millennio nessuno poteva immaginarlo.Per me il Il 24 luglio del 2001 rimane una data ancora piu´ importante. Fu proprio la sera di quel giorno verso le 5 del pomeriggio “sbarcai” dal Treno ICE proveniente da Dortmund ( Da Dortmund??? Non dal Brennero „Verdammt“!?Si ,ma questa e´ un´altro capitolo della storia) alla stazione Zooligischer Garten di Berlino. Ero partito la sera prima da Tridentum con il treno degli emigranti, il famigerato Napoli-Monaco. Mia mamma dice che quello e´ stato uno dei giorni piu´ tristi della sua vita, quando vide suo figlio nella pancia quel serpernte di metallo a sua volta divorato dalle Dolomiti. Ma si sa le mamme esagerano sempre quando parlano dei figli. Berlino quel giorno era un´altro pianeta.Nella sala di aspetto della stazione giacevano i reduci della 3 giorni di droghe, alcool e tecno della Love Parade. Io con la mia valigia gialla, dello stesso colore della camicia che indossavo per quell´interminabile viaggio,sbarcavo in Germania, senza saper di preciso dove passare la nottata. Ma avevo un passaporto italiano, una carta maestro del Banco di Sardegna, un po´ di contanti e il numero di telefono, di un´ amica, di un amico di mio fratello conosciuto qualche anno prima a Madrid. Puo´ sembrar poco come punto di partenza ma non lo era. Era abbastanza. Ora sono passati tredici anni da quel giorno, e a volte mi chiedo se sia stata la scelta giusta.I bilanci non li faccio e non li so fare, se mi fosse piaciuto avrei studiato economia e fatto il commercalista. Poi guardo miei fligli, che hanno gli occhi del mio stesso colore e non ho bisogno di risposte.

Leo Perinovich

Berlin Mitte 24/07/2014

Nessun commento:

Posta un commento